Marketing 2.0. Quando il funnel diventa irriverente.

Ramona
Le nuove frontiere del marketing 2.0 si basano molto sulla creatività dei social media manager e superano ogni regola ad oggi conosciuta: sorprendere è la chiave del successo.
Qualche giorno fa, durante la finale di Champions League fra Liverpool e Tottenahm al Wanda Metropolitan di Madrid, abbiamo assistito ad una “invasione di campo” da parte della modella Kinsey Wolansky.

Gesto irriverente mirato a catturare l’attenzione?

Sì, ma gesto ben studiato per ottenere dei risultati prefissati dal suo fidanzato. Chi e cosa c’è dietro tutto questo? Proviamo ad analizzare. La Wolansky è fidanzata con Vitaly Zdorovetskiy, uno youtuber noto (il suo canale conta quasi 10K di followers) che ha aperto un sito di soft porno: Vitaly Uncensored. Il gesto ha portato ad un incremento esponenziale dei followers della ragazza (da poco più di 120k ad oltre 2 milioni in poche ore!) così come sono aumentati notevolmente i click sul sito sponsorizzato dalla stessa.  Sul suo costumino succinto è stato posto ben in evidenza il logo del brand promosso: Vitality Uncensored.  Il target è stato individuato con estrema attenzione: uomo fra i 20 ed i 45 anni, i maggiori possibili fruitori del “servizio” promosso. Come “convertire” poi questi lead acquisiti in un modo così “eclatante”? Tutti i profili della modella conducevano ad una landing page con una promo ad hoc che proponeva un abbonamento a 9,9$.

Ricapitoliamo:
Branding attraverso un lancio del logo in evidenza attraverso un’azione inconsueta mirata a target prestabilito;
Creazione del desiderio e della curiosità e conseguente generazione di lead;
Landing page disponibile sui profili social con abbonamento in promo;
Home page del sito con frase ad effetto.
No, non è stata “semplicemente” un’invasione di campo ma un funnel divertente e moderno.

Cos’è andato storto?

Purtroppo Vitaly non ha tenuto in considerazione la policy di ogni social che ha utilizzato come piattaforma e tutti i profili della sua fidanzata sono stati oscurati dopo poco più di 24 ore.
Non è dato sapere il numero di conversioni effettuate in queste poche ore ma il nome del brand continua a rimbalzare sul web scatenando la curiosità e ottenendo comunque un risultato egregio con un costo legato all’investimento realmente esiguo.  L’home page del sito recita “Wild pranks Tits + ass no rules” richiamando lo “scherzo selvaggio” che rompe le regole. Efficace, d’impatto e facilmente memorizzabile.  Cosa ha fatto Vitaly per ovviare a questa problematica? Ha rincalzato tenendo alta l’attenzione sui media chiedendo alla sua fidanzata di sposarlo.
Il target improvvisamente si è ampliato anche alle donne ed ecco che quello che sembrava un crollo si è trasformato in un successo ulteriore.

Esistono dei limiti per le nuove tipologie di marketing?

Credo di no. Lasciamo quindi che i creativi continuino a sorprenderci e godiamo di queste nuove forme pubblicitarie che ci rendono parte attiva e non più passiva come un tempo.

Altri Articoli