Start up Marketing: i primi passi da fare

alfonso

Quando si crea una nuova azienda si presentano grandi sfide da affrontare, tra queste una delle più importanti è sicuramente quella di rendere il nuovo brand visibile, riconoscibile e creare in poco tempo un mercato di riferimento.

Se il budget è limitato, queste sfide diventano più importanti e bisogna fare delle scelte ponderate e mirate, per evitare di disperdere in maniera poco efficace le energie finanziarie che si è deciso di stanziare per le attività di comunicazione e promozione dell’azienda.

È fondamentale innanzi tutto la fase di analisi, sia del mercato che del target di riferimento, oltre che dei competitors. Altro tassello è la pianificazione delle attività di marketing, che siano esse pre e post vendita, e in fine l’integrazione di queste attività con la parte produttiva dell’azienda.

Ma andiamo con ordine

Brand Identity

Il passaggio fondamentale su cui si deve strutturare tutta la proposta di un’azienda è la sua capacità di assumere una personalità forte e di comunicare un’identità precisa e determinata. La brand identity di un’azienda si trasmette con diversi elementi, dal logo, al naming, alla scelta del pay off, ovvero il messaggio principale che si vuole far passare, riassunto in una frase che a differenza del claim, che può cambiare per ogni campagna pubblicitaria, marchia a vita il brand.

Studiate il concetto che rappresenterà la vostra attività e declinate il concetto a tutti i suoi aspetti che saranno la voce, l’immagine e l’espressione dell’azienda.

Analisi dei competitors

Una volta determinata l’identità che si vuole trasmettere, è importante capire come si comportano i nostri concorrenti sul mercato. Non solo per prendere spunto, ma anche per capire se stanno sbagliando qualcosa, individuando segmenti di target non presidiati o canali poco utilizzati e che invece potrebbero essere interessanti per il nostro business.

Studiate i loro loghi, i naming e molto probabilmente vi accorgerete somiglianze vistose nelle scelte cromatiche e di comunicazione. Vorrete seguirle o distanziarvi per una maggiore riconoscibilità?

Analisi del target

Forse siamo al punto più importante della vostra analisi strategica: chi è il vostro cliente tipo? Come si comporta? Qual è il metodo migliore per approcciarsi al nostro pubblico di riferimento? Quali strumenti e quale tipo di comunicazione prediligere? Rispondere a queste domande vuol dire trovare e tracciare la strada che porta il nostro messaggio dai nostri team di lavoro al cliente finale.

Evitate gli strumenti poco focalizzati e che causano una dispersione di traffico, come giornali e spot televisivi, troppo costosi se avete poco budget da ottimizzare al centesimo! Scegliete chiaramente le attività di digital marketing, più economiche e mirate rispetto a quelle tradizionali.

Pianificate il vostro editoriale

Non esiste prodotto o servizio che non abbia stagionalità. Per questo è fondamentale organizzare le uscite editoriali e pubblicitarie riflettendo su diversi fattori, tra i quali la stagionalità del prodotto è solo un aspetto. Bisogna riflettere anche sul momento sociale, sulla reazione che gli utenti potrebbero avere a un determinato tipo di comunicazione.

Se le tue pubblicazioni riguardano paesi esteri, tieniti aggiornato sulla situazione politica e sociale in quel determinato paese. Ad esempio se stai per partire con una campagna per una finanziaria, assicurati che la discussione pubblica non sia focalizzata su qualche fallimento bancario o su un default statale.

Integra correttamente Marketing e Produzione

Non fare l’errore di comunicare qualcosa che non rispecchia la tua realtà aziendale e, sopratutto, di proporre qualcosa che non puoi garantire. Assicurati che la tua macchina produttiva e il tuo staff garantiscano la proposta commerciale e che siano allineati e coordinati con le strategie di marketing.

Quando pianifichi le tue attività di marketing, non ragionare a compartimenti. Integra nel tuo gruppo di lavoro una persona che si occupi della parte più produttiva. Sarà più efficace e lungimirante, oltre a darti un punto di vista diverso rispetto a quella da marketers.

Se hai trovato interessante questo articolo, segui il nostro blog e tieniti aggiornato sulle novità del digital marketing!

Altri Articoli